Commas-007

Girlfriend in a comma

“Le virogole al New Yorker cadono con la precisione dei coltelli in uno spettacolo da circo, sagomando la vittima”, disse nel 1969 Elwyn Brooks White, collaboratore del giornale e autore dei racconti di Stuart Little, e credo che mai citazione fu migliore per spiegare il terribile effetto che ha la punteggiatura nelle frasi, tant’è che Priceonomics (vincitore del mio personalissimo premio “il sito del mese”) l’ha scelta come apertura per raccontare ciò che è avvenuto nel lontano 1872, quando un errore di battitura costò al governo degli Stati Uniti il mancato incasso di 2 milioni di dollari, dico, 2 milioni di dollari, e si parla di in un epoca in cui non esisteva un sistema consolidato di tassazione sui redditi, per cui il governo si finanziava principalmente attraverso sistemi tariffari sui commerci, in particolar modo sulle importazioni, cioè, per dire qualche numero, dalla fine del ‘700 a metà dell’800 la fiscalità sui prodotti importati forniva la quasi totalità delle entrate tramite tariffa della casa bianca, per poi assestarsi al 50% fino agli anni venti del ‘900, ma, tornando alla storia di priceconomics, nel 1872 venne varata una nuova legge che puntava a riclassificare le percentuali applicate dalle dogane, detassando alcuni prodotti, e in particolare, liberando dal dazio le “fruit plants, tropical and semi-tropical of propagation or cultivation”, le piante da frutta, quindi, mentre i frutti veri e propri dovevano invece essere tassati tra il 10% e il 20%, ma ecco che una virgola piazzata male rovina tutto, come potete vedere nell’immagine qui sotto

typo2

dove c’è quella piccola virgola cerchiata che permise agli importatori di interpretare la legge come “I beni elencati e descritti in questa sezione saranno esentati, bla bla bla, tra tutti la frutta, le piante tropicali e semi tropicali destinati alla coltivazione”, e ok, per l’amor di Dio, così tradotta appare piuttosto sgrammaticata, ma questo non fermò i commercianti dal fare causa allo Stato, colpevole di aver imposto una tassazione su prodotti che lui stesso aveva definito esenti e, porca miseria, i commercianti vinsero, incassando 2 milioni di dollari (che nel 2014 si traducono in circa 38 milioni), non poca cosa, visto che si trattava di circa l’1.3% delle tariffe totali raccolte dal governo quell’anno, quindi io vi avviso, le virgole possono essere molto pericolose, tipo che ce n’è stata una che ha sfalsato un contratto e ha obbligato un’azienda di Toronto a pagare un milione di dollari canadesi, mentre sempre negli States c’è la virgola che permette costituzionalmente agli americani di girare per strada armata, e poi ancora quella che ha portato al licenziamento di una cassiera francese, ma il vero inferno per chi usa i numeri frequentemente è l’utilizzo delle virgole come separatori dei decimali (in Italia), delle migliaia (in USA), o delle decine di migliaia (in India, e vi giuro per esperienza personale che capire quanto siano 12,50,00,000 rupie è sempre un dramma), e quindi insomma le virgole sono un vero bordello, roba su cui fare attenzione per non finire in errori tragicomici, ché i grammar nazi sono sempre lì pronti a rompere le palle, sebbene gran parte del tempo lo passino a scannarsi tra di loro su questioni, per rimanere in tema, quali l’utilizzo della Oxford Commain cui sostanzialmente si lotta sulla frase “Abbiamo invitato le spogliarelliste, JFK e Stalin”, che probabilmente avete visto rappresentata nell’immagine qui sotto

Oxford-Comma

e ok, d’accordo, il ragionamento appare solido e ben difficilmente qualcuno vorrebbe vedere lo spogliarello di Kennedy e del Baffone, ma questo non ha impedito ai nemici dell’Oxford Comma di ribaltare la frittata facendo notare che nemmeno la frase “Abbiamo invitato la spogliarellista, JFK, e Stalin” suona molto bene visto che la virgola oxfordiana dà la sensazione che esista nel mondo una lap dancer che si chiama come il presidente degli Stati Uniti, che poi magari esiste per davvero e al giorno d’oggi, con la gente che gira in internet, non mi stupirei se avesse un portafoglio clienti più lungo di Nestlé e P&G messe insieme, ma ecco, non ho più niente da dire, è tutto, e se arrivati fin qua vi domandate quale fosse il punto di questo articolo sulle virgole, beh, eccolo qua.

Rispondi